Carlo Punchina si è spento lunedì scorso. Ne danno triste annuncio i familiari ai quali vanno le più sentite condoglianze da parte dell’associazione tutta.

Carlo Punchina è stato una delle personalità più attive all’interno della nostra associazione. Stella d’argento al Merito Sportivo assegnata dal coni nel 1973 e riconoscimento alla memoria “Angelo Chinellato” del 1995, sono solo alcuni dei traguardi raggiunti da Carlo Punchina. Nel 1981 fu lui a guidare il periodo della ricostruzione associativa, raccontato brevemente in questo estratto del libro pubblicato per i 70 anni della nostra associazione. Si può affermare con certezza che oggi l’Associazione è ancora qui grazie al suo operato.

[quote]Quando Carlo Punchina assume i poteri di Commissario, la Sezione Provinciale di Venezia versa in una profonda crisi. Punchina apporta sostanziali mutamenti, tanto che il periodo della ricostruzione può a ragione essere accostato anche al suo nome. Cronometrista dal 1950, diventa Nazionale nel 1958. Personaggio semplice, schivo, poco curante dell’esibizionismo, si fa ben volere dai colleghi anche se non abbandonerà mai la linea dell’intransigenza lasciata in eredità da Donadon.
Dopo che l’Assemblea del 3 gennaio 1981 non ha dato alcun esito, il Consiglio di Presidenza della F.I.Cr., il 7 gennaio 1981 nomina Carlo Punchina Commissario Straordinario della Sezione di Venezia.
Punchina deve affrontare numerosi problemi tra cui lo sfratto della Sede, lo scarso interesse da parte degli associati e la continue beghe interne. Punchina non demorde e il 30 gennaio 1981 riesce a far approvare la nomina di una Commissione interna con il compito di organizzare un corso per allieve ed allievi. L’apertu